Takagi & Ketra feat. Elodie, Mariah, Gipsy Kings – Ciclone

Takagi & Ketra feat. Elodie, Mariah, Gipsy Kings - Ciclone

ARTISTA: Takagi & Ketra feat. Elodie, Mariah, Gipsy Kings
TITOLO: Ciclone
ETICHETTA: Sony Music Entertainment
EDIZIONI: Universal Music Publishing Ricordi, Hitaka, Faber, Dynasty Publishing Group
RADIO DATE: 19/06/2020

…Tenetevi forte… state per essere travolti!!

“CICLONE” il nuovo singolo di TAKAGI & KETRA Featuring ELODIE, MARIAH e GIPSY KINGS DA OGGI VENERDÌ 19 GIUGNO su Radio Sound
Il ritmo travolgente di TAKAGI & KETRA ritorna per accendere l’estate!

Da oggi, venerdì 19 giugno, è disponibile in radio e su tutte le piattaforme digitali ‘CICLONE’, il nuovo esplosivo singolo dei produttori multiplatino e hitmaker per eccellenza. Il brano vede la collaborazione di ELODIE, tra le più apprezzate cantanti italiane della scena pop-urban, e degli artisti internazionali MARIAH, classe ’99 rivelazione della scena reggaeton trap r&b mondiale, e dei celeberrimi GIPSY KINGS.

“È arrivato quel momento dell’anno in cui c’è voglia di un po’ di leggerezza e di ballare per celebrare la vita. Quest’anno ancora più degli altri. “Ciclone” è una canzone – commentano Takagi & Ketra – nata per cercare di portare una bella dose di energia positiva. L’abbiamo scritta insieme a Davide Petrella, Federica Abbate e Miki La Sensa e siamo felici che con noi ci siano Elodie, una delle voci più cool del pop italiano, Mariah artista di Miami, astro nascente della musica che abbiamo avuto modo di conoscere prima ancora di collaborare, e i leggendari Gipsy Kings che sognavamo di coinvolgere nel brano”.

Richiedi la tua canzone! Invia un messaggio o nota vocale con WhatsApp al 333 7575246

“È stato un piacere tornare a lavorare con i ragazzi – dichiara Elodie – dopo il successo di “Margarita”. “Ciclone” è molto diversa. Italiana e internazionale allo stesso tempo. Quando mi hanno detto che ci sarebbero stati anche i Gipsy Kings mi sono messa ad urlare”.

Decadi, generazioni e influenze sono a confronto nel nuovo sound alchemico prodotto dai re Mida Takagi e Ketra, che contano oltre 100 dischi di platino tra singoli e produzioni, oltre 200 milioni di stream e più di 550 milioni di visualizzazioni sul canale YouTube.

Nel brano di Takagi e Ketra c’è la tradizione italiana portata con disinvoltura da Elodie, la rumba flamenca dei leggendari Gipsy Kings Nicolás Reyes e Tonino Baliardo, e la generazione Z del latin power rappresentata da Mariah.

Dopo aver dominato la classifica puntando sul Baile do Favela e sull’Afro beat, i due artisti mai come quest’anno sono pronti a far cantare il pubblico con una canzone che, distruggendo ogni barriera di genere, spiana la strada a una melodia irresistibile che sembra dire una sola cosa: riprendiamoci la vita e godiamoci l’estate.

Video – Takagi & Ketra feat. Elodie, Mariah, Gipsy Kings – Ciclone

Non è ancora stato pubblicato un video ufficiale – Segnala Video – Condividiamo la versione Audio.

Scopri altra musica e metti “mi Piace” alla pagina Facebook di Radio Sound.

Takagi & Ketra feat. Elodie, Mariah, Gipsy Kings – Ciclone

Testo – Lyrics

Ah-ah-ah-ah, ah-ah-ah-ah
Ah-ah-ah-ah, ah-ah-ah-ah

Scriverò di amarti sulle note di un iPhone
fisso la parete tanto non ti chiamerò neanche stasera
non vale la pena, è agosto ma si gela
anche se non serve a niente

Yo intentado llamarte
pero con miedo a equivocarme
contestas, me enredas
no quiero esa vaina
te imaginas

Yo moría port ti
no sé si tú por mi
lo que queda claro
es que no nos funcionó

Prima di te
ero sola, ero mia
era tutto più facile
ora in questa follia
ho imparato a danzare
cento giorni senza rincontrarsi
non credevo che poi mi mancassi

Scriverò di amarti sulle note di un iPhone
fisso la parete tanto non ti chiamerò neanche stasera
non vale la pena, è agosto ma si gela
anche se non serve a niente

Sottovoce dirti sì
sottovoce dirti sì
sottovoce dirti sì
stanotte solamente
sottovoce dirti sì
sottovoce dirti sì
mi sfiori appena
sei un brivido sulla mia schiena-ah
ah-ah-ah-ah, ah-ah-ah-ah, ah-ah-ah-ah
sulla mia schiena-ah

Mirando hacia la pared
pensando en llamarte
contestas me enredas
no quiero
esa vaina
tú me restas

Si pienso ques si
después me digo no
no te puedo llamar
aunque quiera de ti

Prima di te
ero sola, ero mia
era tutto più facile
ora in questa follia
ho imparato a danzare
zingara è la notte per cercarsi
sei un ciclone in cerca dei miei passi

Scriverò di amarti sulle note di un iPhone
fisso la parete tanto non ti chiamerò neanche stasera
non vale la pena, è agosto ma si gela
anche se non serve a niente

Sottovoce dirti sì
sottovoce dirti sì
sottovoce dirti sì
stanotte solamente
sottovoce dirti sì
sottovoce dirti sì
mi sfiori appena
sei un brivido sulla mia schiena-ah
ah-ah-ah-ah, ah-ah-ah-ah, ah-ah-ah-ah
sulla mia schiena-ah
ah-ah-ah-ah, ah-ah-ah-ah, ah-ah-ah-ah
sulla mia schiena-ah