Stromae – Fils de joie

Stromae - Fils de joie

ARTISTA: Stromae
TITOLO: Fils de joie
ETICHETTA: Virgin Records
CASA DISCOGRAFICA: Universal Music Italia S.r.l.
PRODUTTORE ARTISTICO: Produced by Stromae
AUTORI: Lyrics by Stromae, Music by Stromae
ISRC: BET672100004
RADIO DATE: 04/03/2022

UNO DEI PIÙ GRANDI ARTISTI FRANCOFONI AL MONDO E TRA I CANTAUTORI PIÙ ACCLAMATI DALLA CRITICA STROMAE IL NUOVO SINGOLO “FILS DE JOIE” in rotazione su Radio Sound ESTRATTO DAL NUOVO ALBUM DI INEDITI “Multitude”

UN COLLAGE DI SUONI PROVENIENTI DA TUTTO IL MONDO, UNO SGUARDO GENTILE ALLE VITE DEGLI ALTRI, UN’ATTUALISSIMA NARRAZIONE DELLA DIVERSITÀ

Esce oggi in tutto il mondo il nuovo album di STROMAE intitolato Multitude, ovvero il terzo lavoro in studio a 9 anni di distanza da Racine Carrée che ha venduto più di 5 milioni di copie in tutto il mondo.
Disponibile per la rotazione radiofonica Fils de Joie, il singolo estratto dal nuovo album.

Richiedi la tua canzone! Invia un WhatsApp vocale al 333 7575246

Multitude arriva dopo un periodo di estrema difficoltà e sofferenza fisica, che ha costretto STROMAE a rallentare drasticamente per riposare mente e corpo.
Lontano da qualsiasi forma di autocommiserazione, STROMAE ha approfittato di questo periodo della sua vita per identificarsi più intimamente e per osservare gli altri mettendosi nei panni dei personaggi per i quali prova “compassione” (nel significato etimologico di “patire con”). Gli uomini instabili di La Solassitude e Mon Amour, il figlio della prostituta in Fils de Joie, i protagonisti depressi e suicidi di Mauvaise Journée e L’Enfer, la coppia male assortita di Pas Vraiment, gli invisibili di Santé, le donne sofferenti di Déclaration.
Li abbraccia tutti con gentilezza e altruismo, fornendo un ritratto toccante di ognuno di loro. Da qui la scelta del titolo Multitude assume un significato profondo, lo stesso che Walt Whitman trasmette nella sua poesia di cui STROMAE potrebbe riprendere l’incipit: “Io sono grande, io contengo moltitudini, io sono di ogni colore e casta, di ogni rango e religione”.
Multitude è un altro modo di STROMAE di esplorare il mondo pur rimanendo saldamente attaccato alle sue radici.
Innato “alchimista” degli opposti – padre ruandese e madre di origine fiamminga – una doppia identità a volte sfocata e caotica che ha imparato a risolvere attraverso la musica, plasmata dalla volontà di testimoniare senza giudizio o disprezzo la condizione umana in tutta la sua diversità e dall’urgenza di osservare le vite degli altri – a volte la propria (Que du bonheur sulla paternità e Invaincu sulla guarigione).

Avevamo già percepito il gusto di STROMAE per i suoni particolari ed etnici come il cavaquinho di Avé Cesaria, frutto dei suoi viaggi con la famiglia in paesi lontani: Mali, Perù, Bolivia, Argentina… In Multitude diventano caratteristiche essenziali, tanto da rendere quest’album una finestra sul mondo, sulle persone e un raro momento di comunione e piacere da condividere. Il violino cinese, o erhu, in La Solassitude, il flauto ney persiano in Pas Vraiment, il charango andino in Mauvaise Journée, il tres venezuelano in Mon Amour, quasi tutti suonati da veri musicisti.
Nel nuovo album, si possono ascoltare canzoni mongole, cumbia colombiana e musica tradizionale sahariana, segno del suo interesse per quello che si può solo chiamare “esotismo”. Quello di STROMAE non è solo un interesse verso i costumi e tradizioni popolari, ma proprio la volontà di “avvicinarsi all’altro” che mai come oggi potrebbe essere così attuale.

Video – Stromae – Fils de joie

Scopri altra musica e metti “mi Piace” alla pagina Facebook di Radio Sound.
E sei vuoi informarti con le notizie di Piacenza, ti consigliamo di seguire la pagina di Piacenza 24.

Stromae – Fils de joie

Testo – Lyrics

Être seul, c’est difficile et là, ça fait des années
Et de juger, c’est facile, surtout quand on n’y a pas goûté
Le plus dur, bah c’était la première fois
Puis le plus dur, c’est de savoir quand s’ra la dernière fois, hmm
C’est vrai j’suis pas contre un peu d’tendresse de temps en temps
Et puis cette fois ci, bah, j’pourrais l’faire en insultant
Oui, tout est négociable dans la vie moyennant paiement
En plus, j’suis sûrement son meilleur client

Mais oh, laissez donc ma maman
Oui, je sais, c’est vrai qu’elle n’est pas parfaite
C’est un héros et ce s’ra toujours fièrement
Que j’en parlerai, que j’en parlerai
J’suis un fils de pute comme ils disent
Après tout ce qu’elle a fait pour eux
Pardonne leurs bêtises, ô chère mère
Ils te déshumanisent, c’est plus facile
Les mêmes te courtisent
Et tout l’monde ferme les yeux

Pourquoi tout le monde me déteste ?
Alors qu’c’est moi qui les nourris
Leurs vies s’raient bien plus modestes
Sans moi, elles seraient pourries
Le lit et la sécurité ont un prix madame
Bah oui dans la vie tout s’paye
On n’te l’avait donc jamais appris ? Hmmm
On m’accuse de faire de la traite d’êtres humains
Mais cinquante, quarante, trente ou vingt pour cent, c’est déjà bien
Faudrait pas qu’elles se prennent un peu trop pour des mannequins
Mesdames, ou devrais-je dire “putains”

Mais oh, laissez donc ma maman
Oui, je sais, c’est vrai qu’elle n’est pas parfaite
C’est un héros et ce s’ra toujours fièrement
Que j’en parlerai, que j’en parlerai
J’suis un fils de pute comme ils disent
Après tout ce qu’elle a fait pour eux
Pardonne leurs bêtises, ô chère mère
Ils te déshumanisent, c’est plus facile
Les mêmes te courtisent
Et tout l’monde ferme les yeux

Je sais qu’c’est ton boulot mais faut bien qu’j’fasse le mien non ?
Entre le tien et le mien, la différence, c’est que moi je paye des impôts
Aller circulez madame, reprend tes papiers et c’qu’il t’reste de dignité
Pauvre femme, pff, trouve-toi un vrai métier

Mais oh (mais oh), laissez donc ma maman
Oui je sais (oui je sais) c’est vrai qu’elle n’est pas parfaite
C’est un héros (c’est un héros)
Et ce s’ra toujours fièrement que j’en parlerai (que j’en parlerai), que j’en parlerai (que j’en parlerai)

J’suis un fils de pute comme ils disent
Après tout ce qu’elle a fait pour eux
Pardonne leurs bêtises, ô chère mère
Ils te déshumanisent, c’est plus facile
Les mêmes te courtisent
Et tout l’monde ferme les yeux

Traduzione

Stare da soli è difficile e sono passati anni
E giudicare è facile, soprattutto quando non l’hai assaggiato
La parte più difficile, beh, era la prima volta
Allora la cosa più difficile è sapere quando sarà l’ultima volta, hmm
È vero, non sono contrario a un po’ di tenerezza di tanto in tanto
E poi questa volta, beh, potrei farlo insultando
Sì, tutto nella vita è negoziabile per il pagamento
Inoltre, sono probabilmente il suo miglior cliente

Ma oh, lascia che mia madre
Sì, lo so, è vero che non è perfetta
È un eroe e sarà sempre orgoglioso
Che ne parlerò, che ne parlerò
Sono un figlio di puttana, come si suol dire
Dopo tutto quello che ha fatto per loro
Perdona la loro stoltezza, o cara madre
Ti disumanizzano, è più facile
Gli stessi ti stanno corteggiando
E tutti chiudono gli occhi

Perché tutti mi odiano?
Mentre sono io che li nutro
La loro vita sarebbe molto più modesta
Senza di me sarebbero marci
Il letto e la sicurezza hanno un prezzo, signora
Ebbene sì nella vita si paga tutto
Non te l’abbiamo mai insegnato? Hmmm
Sono accusato di tratta di esseri umani
Ma il cinquanta, quaranta, trenta o venti per cento è già buono
Non dovrebbero prendersi troppo per i modelli
Signore, o dovrei dire “puttane”

Ma oh, lascia che mia madre
Sì, lo so, è vero che non è perfetta
È un eroe e sarà sempre orgoglioso
Che ne parlerò, che ne parlerò
Sono un figlio di puttana, come si suol dire
Dopo tutto quello che ha fatto per loro
Perdona la loro stoltezza, o cara madre
Ti disumanizzano, è più facile
Gli stessi ti stanno corteggiando
E tutti chiudono gli occhi

So che è il tuo lavoro, ma io devo fare il mio, giusto?
Tra il tuo e il mio, la differenza è che pago le tasse
Andate in giro signora, riprendete le vostre carte e ciò che vi è rimasto di dignità
Povera donna, pff, trovati un vero lavoro

Ma oh (ma oh), quindi lascia che mia madre
Sì lo so (sì lo so) è vero che non è perfetta
È un eroe (è un eroe)
E sarà sempre orgoglioso che ne parlerò (che ne parlerò), che ne parlerò (che ne parlerò)

Sono un figlio di puttana, come si suol dire
Dopo tutto quello che ha fatto per loro
Perdona la loro stoltezza, o cara madre
Ti disumanizzano, è più facile
Gli stessi ti stanno corteggiando
E tutti chiudono gli occhi

Radio Sound
App Galley