Ibrido – Rifacciamo le 6

Ibrido - Rifacciamo le 6

Dal 9 novembre 2022 è disponibile in rotazione su Radio Sound “Rifacciamo le 6”, il nuovo singolo di Ibrido.

“Rifacciamo le 6” è una dedica a quella persona che, in un certo senso, ti salva la vita, è un farsi forza nei momenti complicati con chi è disposto ad esserci veramente.
Ibrido racconta un momento di forte depressione che lo ha messo a dura prova, cita gli attacchi di panico e la stanza che inizia a farsi troppo “stretta” per i pensieri da contenere.
La notte per lui è un momento perfetto per fare i conti con se stesso e per sconfiggere i tormenti, quando il mondo dorme, quando nessuno ti giudica. Da qui il titolo, “Rifacciamo le 6”.
Nello special della canzone viene citato un ricordo legato al bullismo, le parole risultano incisive e aiutano a far riflettere chi, vivendo determinate situazioni, una spiegazione a tutto non riesce a darsela.
In definitiva è un brano di sfogo e cura in cui Ibrido sostiene che fare i conti con i propri demoni interiori è la vera prova da sostenere per uscire dal buio.
Racconta l’artista a proposito del brano: “I momenti bui fanno parte della vita e di noi. Siamo in costante lotta con i nostri demoni interiori, ma invece che provare a capirli tendiamo a giudicarli e ci giudichiamo. La consapevolezza dovrebbe essere parte del quotidiano di ognuno, perché solo in questo modo impareremo a volerci bene e ad accettare ogni nostra sfumatura.”

Il videoclip di “Rifacciamo le 6” rappresenta una sorta di viaggio mentale di tormento in cui il protagonista è proprio il famoso indagatore dell’incubo Dylan Dog. Ibrido, essendo un appassionato di fumetti (non a caso le pubblicazioni dei singoli hanno le grafiche in quello stile), ha voluto omaggiare il personaggio creando una sorta di connubio fra la lotta con i demoni interiori e il mondo di Tiziano Sclavi.
Il video è completamente ambientato a bordo del leggendario Maggiolino Volkswagen guidato da Dylan, come a significare che è l’incubo stesso a guidare la vita di Ibrido, che alterna momenti di rabbia e isteria a parti riflessive. Si nota da subito quanto la sua figura sia associata a quella di un fantasma, ma, per quanto possa urlare o sfogarsi, nessuno lo sente. Stessa cosa accade quando sale a bordo la ragazza alla quale fa riferimento nelle strofe, che quasi non si accorge di nulla e stranita rimane abbastanza impassibile agli sfoghi, quasi come infastidita da un qualcosa di astratto.

Gli attori che hanno preso parte al video sono Devis Scarioni (Dylan Dog) e Valeria Marusi.
Da un’idea di Ibrido, la regia è del noto regista piemontese Marco Mannini mentre per quanto riguarda la direzione della fotografia troviamo Marco Rossini.

Richiedi la tua canzone! Invia un WhatsApp vocale al 333 7575246

Biografia Michael Sacchi IBRIDO

Ibrido cresce a Bettola, piccolo paese tra le colline piacentine.
La separazione dei genitori, il rapporto complicato con entrambi, il trasferimento e il bullismo durante il percorso scolastico lo portano a trovare conforto nella musica e a riversare in essa il malessere dettato dai propri trascorsi.
I testi profondi e malinconici lasciano trasparire le ansie, le insicurezze e il senso di inadeguatezza che fanno parte del suo quotidiano e creano un legame con tanti ragazzi e ragazze della società odierna.
La sua carriera artistica inizia nel 2008, portandolo negli anni su grandi palchi e facendo da spalla ad artisti tra cui Finley e Nomadi.

Ha raggiunto le finali di Coppa Italia Pass a Cinecittà World, Inedited World Music Festival al Parco Oltremare, One Shot Game di Honiro Label e altri concorsi nazionali.
A fine 2019 dà un taglio col passato e inizia un progetto solista con lo pseudonimo attuale, Ibrido, un nome che richiama la duplice identità che ognuno di noi ha, un po’ come la luna, un mix fra la parte visibile e il lato oscuro. In un’intervista ha affermato “Alla fine tutti noi dobbiamo fare i conti ogni giorno con questa duplice personalità”.
Attraverso le sue canzoni mira a far sì che le persone si riconoscano nei testi e si possano sentire meno sole e più comprese.
Nel 2021 escono “Dentro a quella stanza vuota” e “Testa altrove”, quest’ultimo prodotto al Ninety Studio di Tom Beaver, produttore pluripremiato per i brani di Il Tre, Deddy, Izi e tanti altri.
Il 2022 è ricco di produttività, sono in arrivo tanti progetti inediti. Il primo è “Rifacciamo le 6” disponibile dal 21 ottobre 2022 su tutte le piattaforme digitali di streaming e in rotazione radiofonica.

Video – Ibrido – Facciamo le 6

Scopri altra musica e metti “mi Piace” alla pagina Facebook di Radio Sound.
E sei vuoi informarti con le notizie di Piacenza, ti consigliamo di seguire la pagina di Piacenza 24.

Ibrido – Facciamo le 6

Testo – Lyrics

Sono lunatico, cerco un appiglio
ma con le pare a volte esagero,
lo sento arriva un altro pessimo attacco di panico oooh oooh
Se poi ti dico che non ce la faccio
son giorni che non ho la forza di rialzarmi
diventa stretto questo letto
oooh oooh lo abbraccio
anzi mi abbraccio

E mi vorrò più bene
di una che mi dice mi dice ti amo
di un mondo che mi ha messo in ginocchio
ed io che l’ho ascoltato, gliel’ho permesso
non me ne vanto

Sarà che mi sento solo
non so che punto guardare
e questa stanza, s’è fatta stretta
a volte mi ripeto quanto sono stato tosto
e schivo i colpi, dai rifacciamo le 6
per una notte diversa

Per quella volta che ti ho avuta accanto
come quando quasi tocchi i fuochi
la sera capodanno
quando li guardo sembrano un traguardo
mi hai dato la spinta che meritavo
Che poi è qualcosa di raro
c’è chi nega, io ammetto che nulla è scontato
pariamoci chiaro per una volta
se la salita è più forte di noi la faccio ancora

E ci vorremo bene più di tanti finti ti amo
di un mondo che ci ha messo in ginocchio
ed io che l’ho ascoltato, gliel’ho permesso
non me ne vanto

Sarà che mi sento solo
non so che punto guardare
e questa stanza, s’è fatta stretta
a volte mi ripeto quanto sono stato tosto
e schivo i colpi, dai rifacciamo le 6
per una notte diversa

E per le volte in cui ho preso a calci la porta
che me ne stavo in camera
con la maglietta sporca di sangue
il mondo distante, come stavate
quando vi urlavo basta e voi continuavate

Scusa se adesso lo racconto nei testi
ma vorrei t’accorgessi
che loro stessi si sentono persi
in un mare di squali, siamo noi protetti

Sarà che mi sento solo
non so che punto guardare
e questa stanza, s’è fatta stretta
a volte mi ripeto quanto sono stato tosto
e schivo i colpi, dai rifacciamo le 6
per una notte diversa

oooh oooh
per una notte diversa

Testo e melodia: Michael Sacchi (Ibrido)

Radio Sound
App Galley